Comunicato del 16 Giugno 2021

ADC – AIDC – ANC – ANDOC – FIDDOC – SIC – UNAGRACO – UNGDCEC – UNICO
COMUNICATO STAMPA
DDL MALATTIA E INFORTUNIO PROFESSIONISTI
SI APPORTINO PURE LE MODIFICHE NECESSARIE, MA IL TESTO RIPRENDA VELOCEMENTE IL
SUO ITER LEGISLATIVO
Roma, 16 giugno 2021
Le recenti affermazioni del Sottosegretario al Ministero della Giustizia, Francesco Paolo Sisto,
sul DDL malattia e Infortunio del professionista sono l’occasione per affermare ancora una
volta l’urgenza di una misura che oramai non può essere più disattesa.
Il Sottosegretario, che recentemente ha inteso ribadire la fondatezza delle ragioni che stanno
alla base di questo disegno di legge, ha indicato nella modifica dell’art. 7 una possibile
soluzione in grado di far superare lo scoglio della sua copertura finanziaria, dopo lo stop
imposto dalla Ragioneria generale dello Stato.
Nessuna forza parlamentare sembra voler mettere in discussione l’importanza e la necessità di
questo provvedimento, il cui consenso è infatti trasversale, e che permetterebbe di sanare un
vuoto normativo non più tollerabile, garantendo finalmente il riconoscimento anche ai
professionisti del diritto alla salute, costituzionalmente sancito. Tuttavia, il DDL sul
differimento dei termini per il professionista che si ammala o subisce un grave infortunio oggi
aspetta ancora di poter riprendere il suo iter al Senato.
È una misura questa, dopo le tutele riconosciute in caso di malattia da Covid, che i
professionisti attendono da un tempo infinito e adesso che ci sono le condizioni perché sulla
materia ci sia finalmente una legge dello Stato, in grado di far compiere al Paese un passo
avanti in termini di civiltà e di rispetto dei diritti, non può venire meno l’impegno da parte del
legislatore.
Naturalmente è plausibile che il testo possa subire modifiche, dal legislatore però ci
aspettiamo un comportamento responsabile, considerato che le sue decisioni riguardano
aspetti fondamentali della vita dei cittadini, come evidentemente è la salute.
Le Associazioni di categoria dei commercialisti, da sempre impegnate in questa battaglia di
civiltà, continueranno a mantenere alta l’attenzione sull’importanza del DDL Malattia e
Infortunio e sull’urgenza che il suo iter legislativo riprenda e possa compiersi velocemente.
Comunicazione ADC-AIDC-ANC- ANDOC-FIDDOC-SIC-UNAGRACO-UNGDCEC-UNICO

Allegati